×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 64

Articoli

È appena uscito per i tipi della Libreria Editrice Vaticana, a conclusione dell’Anno della Vita Consacrata indetto da Papa Francesco, un volume del giornalista del SIR Riccardo Benotti, che raccoglie 14 conversazioni con i Superiori generali di diversi Istituti religiosi, fra i quali quello della Società San Paolo, don Valdir José De Castro. Una sorta di “Viaggio nella vita religiosa”, un faccia a faccia che, oltre al nostro Superiore generale, vede protagonisti tra gli altri P. Notker Wolf (Benedettino), P. Fernando Millán Romeral (Carmelitano), Fra Bruno Cadoré (Domenicano), Fra Michael Anthony Perry (Frate Minore), P. Antoine Kerhuel (consigliere generale dei Gesuiti) e don Ángel Fernández Artime (Salesiani).

Nell’intervista a don De Castro si capiscono molte cose della sua scelta vocazionale, di come essa è maturata nella nostra Congregazione nel corso degli anni fino a giungere, in occasione del X Capitolo generale nel febbraio 2015, all’elezione a Superiore generale ma anche le fatiche e le opportunità di questo tempo complesso per la nostra missione.

LINK (Informazione su il libro)

Evoluzione storica. Attualmente ogni Sacerdote paolino è tenuto a celebrare ogni anno 6 Sante Messe per mantenere fede all’impegno del beato Giacomo Alberione, “ad perpetuam rei memoriam”, delle 2400 Sante Messe per i cooperatori e i benefattori, come “prezioso e volontario dono che si fa per le cooperazioni di preghiere, offerte e opere; e ciò tutti gli anni, finché piacerà al Signore di fare esistere la Congregazione” (San Paolo, 1 aprile 1936).

TESTO COMPLETO: ITA - ESP - ENG - POR - BRA

La Congregazione e l’intera Famiglia Paolina, come parte del Popolo di Dio, accolgono come doni provvidenziali due iniziative ecclesiali volute da Benedetto XVI: l’Anno della fede e il tema dell’Assemblea generale del Sinodo dei Vescovi “La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana”.

Con il testo Porta fidei (11 ottobre 2011), il Papa fissa le date dell’Anno della fede (11 ottobre 2012 – 24 novembre 2013) spiegandone le ragioni: il cinquantesimo anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II (11 ottobre 1962) e il ventennio dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa Cattolica (11 ottobre 1992).

TESTO COMPLETO (pdf):  ITA - ESP - ENG

SITO UFFICIALE