19
Sáb., Out.

GiachinoITA - ESP - ENG

Alle 4 (ora locale) di ieri, 23 agosto 2011, a Los Ángeles (California, Provincia Messico), il Divin Maestro ha chiamato al premio eterno il nostro fratello Sacerdote DON VALERIANO MARIO GIACHINO, 80 anni di età, 69 di vita paolina, 62 di professione religiosa, 54 di sacerdozio.

Don Mario nacque il 15 febbraio 1931 a Novello (Cuneo, Italia), quarto di sei fratelli. Entrò nella Società San Paolo il 13 agosto 1942, all’età di 11 anni, in Casa Madre ad Alba. Ad Alba ricevette la sua prima formazione, visse il noviziato (1947-1948), al termine del quale emise la prima professione religiosa l’8 settembre 1948, e proseguì gli studi liceali. Nel 1951 fu trasferito ad Albano Laziale (Roma) per un anno di esperienza come assistente di gruppo. Dal 1952 al 1957 studiò teologia al Collegio Internazionale Paolino a Roma, dove emise anche la professione perpetua l’8 settembre 1954 e fu ordinato sacerdote il 25 gennaio 1957 da mons. Ettore Cunial.

Agenda Paulina

19 outubro 2019

Memoria del B. Giuseppe Timoteo M. Giaccardo, primo sacerdote paolino (bianco)
Messa e Liturgia delle Ore nel Proprio Paolino

19 outubro 2019

* Nessun evento particolare.

19 outubro 2019

SSP: D. Gabriele Piazzo (1983) • FSP: Sr. M. Alejandra Herrera Lopez (2004) - Sr. Maria do Carmo Bueno Oliveira (2016) • PD: Sr. M. Gian Piera Piacentini (2000) - Sr. M. Feliciana Chiesa (2006) - Sr. M. Margaret Savarinathan (2014) • ISF: Maria Patera (1998) - Anacleto Aguilera (2010) - Luigia Locastello (2010) - Lidia Tomassini (2012) - Attilio Venturi (2016).

Pensamentos

19 outubro 2019

Dio ha posto in noi un infinito, vi chiama ad un’altissima santità, ma vuole fare Lui, lavorare con le Sue braccia perché la nostra Casa vive di Provvidenza. Il torto più grave che Dio riceve dalla nostra Casa è la mancanza di fiducia in lui (Diario, 26.1.1919).

19 outubro 2019

Dios ha puesto en nosotros un infinito, os llama a una altísima santidad, pero quiere actuar él, trabajar con sus brazos, porque nuestra Casa vive de la Providencia. La ofensa más grave que Dios recibe de nuestra Casa es la falta de confianza en él (Diario, 26.1.1919).

19 outubro 2019

God has placed in us an eternity, he calls you to a very high holiness, but He wants to do the job, to work with His hands because our House lives by Providence. The most serious offence that God receives from our House is the lack of trust in Him (Diario, 26.1.1919).