24
Mon, Feb

Lunedì, 9 aprile, è stata pubblicata la nuova Esortazione apostolica “Gaudete et exsultate”. Il grande servizio che papa Francesco fa al popolo di Dio con la recente esortazione è quello di sminuzzare la dottrina del Concilio sulla santità per avvicinarla a tutti i cattolici, anzi alla gente comune, in quanto tutti siamo chiamati a condividere la vita di Dio, il suo Regno. Va quindi superata la tentazione di pensare che la santità sia riservata ad alcuni privilegiati: “tutti siamo chiamati ad essere santi vivendo con amore e offrendo a ciascuno la propria testimonianza nelle occupazioni di ogni giorno”.

Il carattere positivo, gioioso e allegro della santità, molto lontano da quelle tristi “facce da immaginetta” che in realtà non sono che caricature della santità, lo si intuisce già a partire dal titolo. Il santo non è “uno spirito inibito, triste, acido, malinconico”; il santo “è capace di vivere con gioia e senso dell’umorismo. Senza perdere il realismo, illumina gli altri con uno spirito positivo e ricco di speranza”.

La santità è il volto più bello della Chiesa ed è la vocazione di tutti, senza alcuna eccezione, “ognuno per la sua via”, afferma il Papa, che intende “far risuonare ancora una volta la chiamata alla santità, cercando di incarnarla nel contesto attuale”, “con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità”. Occorre perciò lasciarsi stimolare dai tanti segni di santità che il Signore ci presenta, non solo dai santi canonizzati, ma anche dai santi “della porta accanto”, “quelli che vivono vicino a noi e sono un riflesso della presenza di Dio”.

La storia della santità mostra infatti la grande diversità di carattere, di stile, di modi di espressione dei santi lungo i secoli. Alcuni sono figure eccezionali per intelligenza, coraggio e intraprendenza…, veri geni dell’umanità. Altri invece non hanno fatto nulla di umanamente straordinario, non hanno avuto doni particolarissimi… ma hanno avuto un grande dono dello Spirito: quello dell’amore a Dio e al prossimo che li ha portati a vivere l’ordinario in modo straordinario.

Quindi – spiega il Papa – “non è il caso di scoraggiarsi quando si contemplano modelli di santità che appaiono irraggiungibili. Ci sono testimonianze che sono utili per stimolarci e motivarci, ma non perché cerchiamo di copiarle... Quello che conta è che ciascun credente discerna la propria strada… Perché la vita divina si comunica ad alcuni in un modo e ad altri in un altro”.

Tra i primi è senz’altro da annoverare il beato Giacomo Alberione, nostro Fondatore: non santo per essere stato un genio, ma un genio nella storia della Chiesa per essere stato un santo!  “La santità è virtù ad alta tensione; è lo slancio e la poesia del bene”, diceva Don Alberione. Tra i secondi, la figura del venerabile Andrea M. Borello è un meraviglioso esempio: egli ha vissuto in modo straordinario, da santo, l’ordinarietà della vita in tutti i campi, sentendosi pienamente apostolo della comunicazione, lavorando nelle forme più umili: l’orto, la cartiera, la calzoleria…

Parla ancora il Papa di un altro gruppo di santi, quelli “della porta accanto”. Quanti paolini e paoline possiamo mettere in questo gruppo! Molti li abbiamo conosciuti; molti vivono ora alla “porta accanto” alla nostra… Quanta santità nella nostra Congregazione, nella Famiglia Paolina! Nonostante tanti difetti e peccati, tanti momenti negativi… Ma non sono questi i veri ostacoli alla santità – così lo afferma il Papa – se c’è costanza e impegno nel non abbandonare la via dell’amore e ci si rimane sempre aperti all’azione soprannaturale di Dio che purifica e illumina.

Finalmente il Papa ci invita a “non avere paura della santità”, che è il segreto di una vita gioiosa e pienamente riuscita come missione, fonte della parresia, cioè, dell’audacia e lo “slancio evangelizzatore che lascia un segno nel mondo”. “Voglia il Cielo – è l’augurio del Papa – che tu possa riconoscere qual è quella parola, quel messaggio di Gesù che Dio desidera dire al mondo con la tua vita”. Certo, non tutti siamo chiamati ad essere dei geni della santità, ma tutti possiamo e dobbiamo essere santi dei piccoli segni di bene quotidiano, santi “della porta accanto”.


Don José Antonio Perez è il Postulatore generale della Famiglia Paolina

La sezione "In Dialogo" vuole essere uno spazio di formazione, dialogo e interazione tra i membri della Famiglia Paolina di tutto il mondo. Invitiamo, quindi, tutti voi a commentare gli articoli qui pubblicati e anche, per chi se la sente, a inviare un testo da pubblicare. Questi contributi saranno sempre benvenuti per arricchire il nostro... dialogo!

 

 

 

 

Agenda Paolina

February 23, 2020

VII del Tempo Ordinario (verde)
Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48

February 23, 2020

* SSP: 1982 a Campinas (Brasile).

February 23, 2020

SSP: D. Leo Sartor (2007) • FSP: Sr. M. Lilia Ranieri (1990) - Sr. M. Silvana Guerriero (1998) - Sr. Clelia Bianco (2000) - Sr. Concettina Borgogno (2003) - Sr. Stefanina Busso (2003) - Sr. Anna Maria Prandi (2010) • PD: Sr. M. Corradina Panella (1996) • IGS: D. Pietro Burgio (1999) - D. Nicola Rutzu (2005) • IMSA: Lina Conte (1983) • ISF: José Guadalupe Paredes (2008) - Maria Permunian (2015).