15
Mar, Giu

Typography

È uscita una breve biografia di Maggiorino Vigolungo. Scritta da don Carlo Recalcati, è l’ultima della serie nella Velar, l’editrice ormai classica nella diffusione di biografie di santi, beati e altri testimoni di vita cristiana esemplare.

Nel 2018 ricorre il centenario della morte di questo giovane apostolo della comunicazione, ed è anche l’anno del Sinodo dedicato ai giovani sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Un’occasione senz’altro provvidenziale per tutti noi per ricordare, quasi rispolverare, e divulgare la mirabile figura di questo aspirante alla vita paolina che in solo due anni è giunto a toccare le vette della santità, mosso dall’ideale proposto dal beato Giacomo Alberione e accolto con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la volontà,

Dichiarato Venerabile il 28 marzo 1988 da san Giovanni Paolo II, per Maggiorino Vigolungo si è in attesa di un miracolo per sua intercessione, a sigillo dell’eroicità delle virtù riconosciute dalla Chiesa, miracolo che lo porterebbe alla beatificazione.

In un’epoca segnata dal disorientamento generale e dal relativismo morale, promossi spesso dai mezzi di comunicazione e dalle reti sociali, e da una grave crisi di valori, in particolare tra i giovani, la figura di Maggiorino Vigolungo può costituire un punto di riferimento qualificante per tanti adolescenti e giovani.

Egli infatti si propone come l’adolescente che trova il senso pieno della sua esistenza nell’ideale apostolico sulle orme di San Paolo, vissuto in gioia e semplicità, caratteristiche idonee a toccare il cuore della nostra gioventù.

Maggiorino Vigolungo rimanda, d’altra parte, all’esempio di dedizione di un direttore santo, quale fu il beato Giacomo Alberione, che operò con tutti i mezzi dello Spirito per aiutarlo nel cammino verso la perfezione evangelica e un apostolato moderno che vuole arrivare a tutti per portare a tutti la gioia del Vangelo.

Per richiesta copie, rivolgersi per posta alla Postulazione Generale della Famiglia Paolina, Via Alessandro Severo 58 – 00145 ROMA, oppure alla e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..