24
Seg., Fev.

Ormai, in tanti paesi del mondo occidentale, l’anno scolastico è già a metà del suo percorso. Nella pausa natalizia, però, continuiamo ad esercitarci in quello che abbiamo imparato. Così è nella vita, non si va mai in vacanza nel cammino di apprendimento e di formazione. Le buone cose imparate fin dalla scuola materna fanno parte del nostro bagaglio, della nostra personalità e continuiamo a praticarle sempre nella nostra vita quotidiana. Ad esempio: se apriamo la porta, la chiudiamo dopo di noi; se bagniamo il pavimento, lo asciughiamo; se la finestra aperta sta sbattendo contro il telaio, la sistemiamo; se abbiamo fatto male ad un’altra persona, le chiediamo perdono; se qualche persona ci dà sui nervi, pazienza; se attraversiamo la strada, ci teniamo per mano e la attraversiamo insieme.

Anche se siamo già adulti, proseguiamo con la formazione permanente, perché lo “studio” è per tutta la vita, in vista dell’eternità; approfondiamo di più le nostre motivazioni per formarci integralmente nella scuola della vita. Come apostoli-comunicatori vogliamo offrire i valori umani e cristiani anche senza parlare di temi religiosi. Ma per comunicare bene, prima dobbiamo disporci ad ascoltare: ascoltare Dio e gli altri, così da trasmettere con coerenza e con intelligenza la vita vissuta.

Per imparare con profitto e in profondità, dobbiamo esercitarci nella virtù dell’umiltà che impariamo alla scuola del Maestro, di Gesù Cristo, che è per noi la Via assolutamente sicura per pellegrinare decisamente in questa vita, la Verità che sconfigge tutte le fake news che ci ingannano ogni giorno, specialmente nei social media, e la Vita che dà senso alla nostra esistenza contaminata dalla cultura della morte.

Andiamo alla scuola “originale” che è ancora vivente, nella grotta di Betlemme. Il Primo Maestro ci invita: «Contemplare il presepio! La prima scuola che ha aperto il Maestro divino è la grotta. Sì, egli ha insegnato con la parola, ma in primo luogo ha insegnato con l’esempio, con i fatti. Con i fatti! Dal presepio noi impariamo la povertà, la purezza, la docilità o obbedienza. Così coi fatti ci insegna il presepio, il bambino» (Alle Pastorelle, 764, 1964).

Ma siccome questa scuola che si trova in Terra Santa è così lontana, andiamo dunque a quella che è molto vicina, raggiungibile ogni giorno: nella nostra cappella, ai piedi del Maestro, durante la Visita eucaristica! Che questa scuola di umiltà diventi per noi una scuola di fedeltà, nel fare tutto per il Vangelo, cominciando con le cose semplici ma importanti, come: camminare sempre sulle quattro ruote; chiudere la porta dell’egoismo ed aprire il cuore alla fraternità; pulire la macchia dell’odio nella profondità con la delicatezza del perdono e della misericordia; unire la mente con i confratelli e con le consorelle ma, soprattutto, unire i cuori e le volontà, perché possiamo lavorare in équipe per annunciare la Buona Novella; aprire tutto il nostro essere ─ mente-volontà-cuore ─ per raggiungere tutti con i mezzi di oggi, privilegiando il digitale, in particolare i social media; e, infine, camminare insieme con tanta buona volontà, come una Famiglia “in uscita” perché con le forze unite e complementari, possiamo raggiungere anche quelli che sono nelle periferie virtuali ed esistenziali.

Buon Natale, carissimi!


 * Don Celso Godilano è consigliere generale e membro del SIF

La sezione "In Dialogo" vuole essere uno spazio di formazione, dialogo e interazione tra i membri della Famiglia Paolina di tutto il mondo. Invitiamo, quindi, tutti voi a commentare gli articoli qui pubblicati e anche, per chi se la sente, a inviare un testo da pubblicare. Questi contributi saranno sempre benvenuti per arricchire il nostro... dialogo!

 

Agenda Paulina

23 fevereiro 2020

VII del Tempo Ordinario (verde)
Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48

23 fevereiro 2020

* SSP: 1982 a Campinas (Brasile).

23 fevereiro 2020

SSP: D. Leo Sartor (2007) • FSP: Sr. M. Lilia Ranieri (1990) - Sr. M. Silvana Guerriero (1998) - Sr. Clelia Bianco (2000) - Sr. Concettina Borgogno (2003) - Sr. Stefanina Busso (2003) - Sr. Anna Maria Prandi (2010) • PD: Sr. M. Corradina Panella (1996) • IGS: D. Pietro Burgio (1999) - D. Nicola Rutzu (2005) • IMSA: Lina Conte (1983) • ISF: José Guadalupe Paredes (2008) - Maria Permunian (2015).