27
Lun, Gen

Alle ore 14.50 (ora locale) di mercoledì 18 ottobre, presso la Comunità di Madrid – Vizconde de los Asilos, è tornato alla casa del Padre, dopo una grave malattia, il nostro fratello Discepolo 

FRATEL TEODORO GABRIEL ORTEGA PÉREZ
80 anni di età, 62 di vita paolina, 58 di professione

Teodoro nasce il 9 novembre 1936 a Sotresgudo, un paesino in provincia di Burgos (Spagna), da una famiglia contadina e numerosa, con sette fratelli e una sorella. Cresciuto in un ambiente profondamente religioso, cosa normale in tutta la Castiglia, viene battezzato lo stesso giorno della nascita. Riceverà poi la Cresima all’età di 8 anni.

Entra nella nostra comunità paolina di Zalla (Vizcaya – Paesi Baschi) l’11 gennaio 1955: in quel periodo questo era l’unico vocazionario della Congregazione in Spagna. Due anni dopo la San Paolo apre la comunità di Coslada – San Fernando de Henares (Madrid), dove Teodoro il 7 settembre 1957 inizia il noviziato e l’8 settembre 1959 emette la sua prima professione religiosa. Durante gli anni di juniorato si dedica alla diffusione della “buona stampa”, casa per casa, in molte città spagnole. Sono tempi difficili e molte sono le necessità, con grossi debiti che pesano non poco sulle finanze delle comunità. Infine, professa i voti in perpetuo l'8 settembre 1964 a Zalla.

Durante i primi anni ’60 fratel Teodoro si impegna nella formazione come assistente dei giovani aspiranti. Ma è la libreria che segnerà il suo apostolato: infatti, dal 1960 al 2011 è proprio qui che lo troviamo costantemente: prima a Madrid (1960-1976), poi a Bilbao (1976-1980), a Madrid (1980-1984), a Siviglia (1984-1991), a Bilbao (1991-1992) e, infine, ancora a Madrid (1992-2011). Una vita interamente spesa tra la gente, come libraio, entusiasta e generoso. Grazie al suo carattere aperto, allegro e anche giocoso, avvicinava facilmente le persone, spesso creando belle amicizie. Un Discepolo responsabile nel lavoro e capace di trovarsi degli spazi per la formazione personale, partecipando a diverse iniziative culturali.

Nel 1996 iniziano i primi problemi di salute, perché deve affrontare le conseguenze di un ictus celebrale. Fortunatamente in poco più di un anno riprende le sue attività apostoliche. Da una decina di anni, infine, si era ritirato dal lavoro in libreria, dedicandosi, sempre con grande senso di disponibilità,  alle necessità della comunità di Las Rozas (Madrid) e poi dell’infermeria della comunità di Vizconde (Madrid), aiutando i malati con molte attenzioni, secondo le necessità, fino a quando ulteriori seri problemi di salute dovuti a scompensi cardiaci, deficienze respiratorie e renali non lo hanno costretto a fermarsi. In un primo momento la malattia gli ha impedito la mobilità e, successivamente, lo ha portato alla conclusione della sua vita. Ci ha lasciati qualche giorno prima di compiere 81 anni.

Ringraziamo Dio per la vita di questo fratello, profondamente coinvolto nella missione paolina con tanta dedizione e generosità, Lo affidiamo alla bontà del Divin Maestro e insieme ai tanti Paolini in cielo riposi nella pace del Signore: «Mio Dio, in te confido, che io non resti deluso» (Sal 25).

A fratel Teodoro affidiamo i lavori del 2° Seminario Internazionale degli Editori Paolini, in svolgimento in questi giorni, perché il nostro rinnovato slancio apostolico non perda mai di vista la necessità di relazioni autentiche tra di noi e con le persone di oggi, relazioni che sempre hanno caratterizzato la vita apostolica di questo nostro caro Discepolo del Divin Maestro.

 

Roma, 20 ottobre 2017 

Don Domenico Soliman, ssp

      


I funerali si sono svolti il 19 ottobre alle ore 18.00 presso la cappella della Comunità paolina di Protasio Gómez, (Madrid). Le ceneri verranno deposte nel cimitero di Las Rozas (Madrid).

I Superiori di Circoscrizione informino le loro comunità per i suffragi prescritti (Cost. 65 e 65.1).


ITAESPENG

Agenda Paolina

27 Gennaio 2020

Feria (verde)
S. Angela Merici, vergine
2Sam 5,1-7.10; Sal 88; Mc 3,22-30

27 Gennaio 2020

* PD: 1956 arrivo in Australia - 1979 Casa DM I a Tokyo - Hachioji (Giappone) • SJBP: 1964 inizio in Colombia.

27 Gennaio 2020

SSP: D. Hernán Pérez Etchepare (2012) • FSP: Sr. Anna Rinaldi (1996) - Sr. M. Lia Chirone (2003) - Sr. Amabile Zuppardo (2004) - Sr. M. Rosalia Bovo (2010) - Sr. M. Flavia Ferrari (2016) - Sr. Eugenia Grasso (2017) • IGS: Mons. Alfred Fernandez (1983) - D. Giuseppe Manzo (2002) • ISF: Andrea Caforno (2013) - Roberto Allegrini (2019) - Maria Luisa Sacchetti Rocchi (2019).

Pensieri del Fondatore

27 Gennaio 2020

Dio aggiunge quando si fa da parte nostra quel che si può, ossia: si cura il tempo, si è mortificati, si cura anche la salute. È pur esercizio di povertà curare nel modo debito la salute e prendere ciò che è necessario... (Ritiri mensili, I, 164).

27 Gennaio 2020

Dios añade cuando de nuestra parte se hace lo posible, a saber: se aprovecha el tiempo, se es mortificados, se cuida también la salud. Sí, es asimismo ejercicio de pobreza cuidar debidamente la salud y tomar cuanto es necesario... (Retiros mensuales, I, 164).

27 Gennaio 2020

God adds when we do what we can, namely: one takes care of time, one mortifies, one also cares for his health. It is also an exercise in poverty to take care of health in the right way and to take what is necessary... (Ritiri mensili, I, 164).