30
Lun, Mar

Typography

Alle ore 9 del mattino (ora locale) del 19 marzo, Solennità di San Giuseppe, patrono dei Discepoli del Divin Maestro, presso la Clínica Cardio Infantil di Bogotá (Colombia), è tornato alla Casa del Padre il nostro fratello Discepolo del Divino Maestro

FRATEL ELIÉCER ANTONIO LÓPEZ SARMIENTO
75 anni di età, 55 di vita paolina, 50 di professione

Eliècer Antonio nasce il 2 ottobre 1940 a Umbita (Boyacá-Colombia) da papà Matteo e mamma Dolores e viene battezzato il 22 ottobre 1940. Il 5 febbraio 1961, a 21 anni, entra nella comunità di Calle 170 a Bogotà. I formatori ne colgono subito un’attitudine spirituale profonda, accompagnata da un impegno serio nell’apostolato, dalla tenacia nel fare le cose che gli sono affidate e dall’amore per la Congregazione, insieme a un carattere un po’ riservato. Dopo la vestizione religiosa (11 febbraio 1963), il 10 febbraio 1964 è il Superiore della casa, don Renato Perino, futuro Superiore generale, a presiedere il rito del suo ingresso in noviziato, che, guidato dal maestro don Attilio Cendron, termina l’11 febbraio 1966 con la prima professione religiosa. L’11 febbraio 1975, durante una Messa presieduta da don Vincenzo Miotto, fratel López professa i voti religiosi in perpetuo.

Dopo gli anni di formazione, dedicati soprattutto all’apostolato tipografico, fratel López vive il resto della sua missione paolina nel settore della diffusione, diventando esperto e affidabile libraio. Dopo la professione perpetua lo troviamo prima nella libreria San Pablo di Calle 12 No. 6-11 a Bogotà, poi, dal 1984, a Medellin per seguire la libreria di quella città e, dall’inizio del 1987, ancora a Bogotà. Nel novembre del 1995 la sua esperienza è messa a frutto per qualche mese per aprire la libreria San Pablo a Bucaramanga, ma il tempo è ormai maturo per diventare “fondatore”. Il 26 luglio 1996, infatti, è tra i primi fratelli che inaugurano la nuova comunità paolina di Panamá e contribuisce a consolidare la libreria, che era stata aperta solo tre anni prima.

Il resto della sua vita apostolica si svolge nella città del Canale. Qui, lungo 20 anni, è un vero esempio di dedizione apostolica, sia nell’accoglienza cortese delle persone che frequentano la libreria e dei giovani paolini durante l’anno di esperienza apostolica, che nella gestione della diffusione. Ricopre, inoltre, in loco la carica di rappresentante legale della Società San Paolo.

Dalla fine dello scorso anno la sua salute si è venuta poco a poco aggravando a seguito di complicazioni cardio-polmonari. Lo scorso 14 marzo, appena le sue condizioni glielo hanno permesso, ha potuto trasferirsi a Bogotà, accolto dai familiari e dall’intera comunità paolina. Pochi giorni dopo, purtroppo, le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate e, a causa di una grave insufficienza cardiaca, è stato ricoverato nella Clínica Cardio Infantil di Bogotá, dove è deceduto poco dopo il ricovero.

Fratel Eliècer Antonio è sempre stato conosciuto come persona discreta, riservata, dedita a una densa vita di pietà e di apostolato. I suoi superiori testimoniano di una grande disponibilità ad accettare prontamente e con diligenza tutti i compiti che, grazie alla grande perizia acquisita sul campo, via via gli affidavano. La nascita di questo nostro fratello al cielo è avvenuta nel giorno della Solennità di San Giuseppe, patrono dei Discepoli del Divin Maestro. Vogliamo allora oggi affidare a lui, che già gode dell’eternità di Dio, la preghiera per tutti i fratelli Discepoli della Congregazione, ma anche l’intercessione per i bisogni della Provincia Colombia-Ecuador-Panamá.

Ci congediamo da fratel Eliècer Antonio ringraziando il Signore per il dono della sua vocazione, tutta spesa per la gloria di Dio e il bene delle anime. Lo affidiamo al Maestro Divino, che è il volto misericordioso e amorevole del Padre, perché, nella luce dello Spirito Santo, possa godere della vita eterna. Accolto dall’abbraccio amoroso della nostra Madre Maria, Regina degli Apostoli, possa godere la compagnia eterna dei nostri beati Giacomo e Timoteo e di tutti gli altri “santi” Paolini e Paoline del paradiso.


Roma, 20 marzo 2016
Don Stefano Stimamiglio


 I funerali si svolgeranno domenica 20 marzo alle ore 14,00 (ora locale) nella cappella San Paolo della comunità di Bogotà - Calle 170. Le sue spoglie riposeranno nel cimitero dell’Immacolata a Bogotà.

I Superiori di Circoscrizione informino le loro comunità per i suffragi prescritti (Cost. 65 e 65.1).


 ITA • ESP • ENG

Agenda Paolina

29 Marzo 2020

V di Quaresima (viola)
Ez 37,12-14; Sal 129; Rm 8,8-11; Gv 11,1-45

29 Marzo 2020

* SSP: 1947 a Santiago de Chile (Cile).

29 Marzo 2020

SSP: D. Felipe Gutiérrez (2004) - Fr. Natale Luigi Corso (2014) • FSP: Sr. Teresa Bianco (1995) - Sr. Guglielmina Oliboni (1995) - Sr. Mansueta Chiesa (2005) - Sr. Lucia Migliore (2007) - Sr. Carla (Clelia) Ferrari (2012) • PD: Sr. M. Cornelia De Toffoli (1996) - Sr. M. Veritas Montecchio (2017) • IGS: D. Michele Sarullo (1993) • IMSA: Giuseppina Sanfilippo (2009) • ISF: Egidio Pitzus (1997) - Giovanni Sticca (1997) - Antonietta Turco (1997) - Isabel Sabugo (2002) - Giovanni Italiano (2011).

Pensieri del Fondatore

29 Marzo 2020

Coloro che amano la povertà sono arricchiti di beni spirituali: ricchi di fede, ricchi di carità, ricchi di ogni virtù, di grazie specialmente (Alle Apostoline 1957, p. 169).

29 Marzo 2020

Quienes aman la pobreza quedan enriquecidos de bienes espirituales: ricos de fe, ricos de caridad, ricos de cualquier virtud, y especialmente de gracias (A las Apostolinas 1957, p. 169).

29 Marzo 2020

Those who love poverty are enriched with spiritual goods: rich in faith, rich in charity, rich in every virtue, and especially in graces (Alle Apostoline 1957, p. 169).