28
Mar, Gen

Don Alcaraz Zavala

Alle ore 7,00 di sabato 19 settembre, presso l’Hospital del Sagrado Corazón a Guadalajara, Jalisco (Messico), è tornato alla casa del Padre il nostro fratello sacerdote

DON FRANCISCO BERNARDO ALCARAZ ZAVALA
76 anni di età, 57 di vita paolina, 52 di professione e 46 di sacerdozio.

Don Francisco è nato a Puruándiro, villaggio situato tra Guadalajara e Città del Messico, il 3 giugno 1939. Entrato nella Società San Paolo a Città del Messico il 17 gennaio 1958, ha emesso la prima professione religiosa nella Comunità di Taxqueña il 25 dicembre 1963, assumendo il nome di Bernardo. È stato ordinato sacerdote a Roma il 30 giugno 1969. Si è laureato in Filosofia presso la Pontificia Università del Messico e in Letteratura spagnola presso l’Università Iberoamericana di Città del Messico. Ha svolto il suo ministero paolino in diversi campi, soprattutto nella formazione, come insegnante dei Maggiorini, Novizi e Juniores.

È stato superiore locale a Guadalajara e Città del Messico e, soprattutto, secondo Superiore provinciale della Società San Paolo in Messico dal 1978 al 1982. Professore di Letteratura e Filosofia, è stato direttore delle riviste La Familia Cristiana, Vida Pastoral, El Victorioso, El Domingo, e del Centro di Spiritualità Paolina. Ha frequentato il corso del Carisma Paolino a Roma nel 2004. Nei suoi ultimi anni, già in stato di precarie condizioni di salute, don Francisco è vissuto nella comunità San Paolo di Guadalajara, collaborando nella redazione dei commenti omiletici al Messale mensile Pan de la Palabra, insegnando presso il nostro liceo e accompagnando spiritualmente gli aspiranti paolini.

Don Francisco, nostro nuovo intercessore in cielo, lascia ai Paolini del Messico e del mondo un indimenticabile ricordo e il dono di una testimonianza esemplare. Paolino a tuttotondo, ha vissuto l’integralità a cui siamo chiamati come figli del Beato Giacomo Alberione. Intelligente senza fanfare, pio senza ostentazione, comprensivo senza debolezza, è stato dotato di squisita umanità. Era sempre gentile, cordiale e servizievole, sempre all’altezza delle circostanze, senza mai lasciare la sua innata semplicità. Ha svolto i compiti più diversi, mostrando i segni di quello spirito soprannaturale che muove il vero obbediente al Signore. Era bravo nel gioco e nell’apostolato, nella docenza, nell’accompagnamento spirituale e nel servizio dell’autorità. Ha amato la Congregazione, la Famiglia Paolina, la Chiesa, anticipando nella sua vita lo spirito del Giubileo della misericordia, che vivremo tra breve.

Dopo aver subito un’ischemia nello scorso mese di giugno ed essere stato operato con successo, don Francisco aveva mostrato segnali di una lenta ripresa. In questi ultimi giorni, però, la situazione è peggiorata per gravi problemi polmonari intervenuti a causa di un batterio, che non è stato possibile rimuovere.

Preghiamo ora perché il Signore conceda il premio eterno a don Francisco e a noi di imitare le sue non comuni doti religiose e umane. All’intercessione presso il Maestro Divino affidiamo tutta la nostra Congregazione, in particolare la vita apostolica della Provincia Messico, che ha appena celebrato il suo 12° Capitolo provinciale.

Roma, 20 settembre 2015
Don Stefano Stimamiglio

Le esequie si svolgeranno domenica 20 settembre alle ore 10,00 nella Comunità San Paolo a Guadalajara. Don Francisco sarà poi seppellito lo stesso giorno nel cimitero Jardines del Tiempo di Guadalajara.

I Superiori di Circoscrizione informino le loro comunità per i suffragi prescritti (Cost. 65 e 65.1).

ITA - ESP - ENG

Agenda Paolina

28 Gennaio 2020

Memoria di S. Tommaso d’Aquino, sacerdote e dottore della Chiesa (bianco)
2Sam 6,12-15.17-19; Sal 23; Mc 3,31-35

28 Gennaio 2020

* PD: 1955 arrivo in Cile.

28 Gennaio 2020

PD: Sr. M. Bertilla Franchetti (1987) • SJBP: Sr. M. Clara Capelletti (1973) - Sr. Maria Cucchi (2001) • IGS: D. Gaetano Tedeschi (1985) • IMSA: Fernanda M. Da Costa (1973) • ISF: Luis Spalla (2005).

Pensieri del Fondatore

28 Gennaio 2020

Cercare prima il regno di Dio significa avere in capo a tutti e sopra tutti i nostri desideri questo: il Paradiso. Esso è il sommo bene. Sulla terra vi sono tante specie di beni, ma nessuna sorta di beni terreni è veramente da desiderarsi, bensì solo da usarsi... Se volete essere ricchi cercate le vere ricchezze (I Novissimi..., 172).

28 Gennaio 2020

Buscar ante todo el reino de Dios significa tener fijo en la cabeza en todos y sobre todos nuestros deseos el paraíso, que es el sumo bien. En la tierra hay muchas clases de bienes, pero ningún género de bienes terrenos ha de desearse verdaderamente, sino solo usarse... Si queréis ser ricos, buscad las verdaderas riquezas (Los Novísimos..., 172).

28 Gennaio 2020

To seek the kingdom of God first means to have this: Paradise at the head of all and above all our desires. It is the supreme good. On earth, there are many kinds of good, but not any kind of earthly good is really to be desired, but only to be used... If you want to be rich seek true riches (I Novissimi..., 172).