07
Mar, Lug

Typography
In spirito ci sentiamo in comunione con tutte le comunità Paoline sparse nei cinque continenti che, in questo mese di novembre, hanno un ricordo riconoscente e una preghiera di suffragio per tutte le Paoline e i Paolini defunti delle loro Circoscrizioni che hanno speso la loro vita per dare inizio, percorrere i primi difficili passi e consolidare la presenza del carisma paolino nelle varie nazioni.

         Nella cappella in cui stiamo celebrando sono racchiuse le sepolture di quasi 40 Paolini, tra le quali fr. Vittorio De Ligio e fr. Ampelio Biancon defunti in questo mese e con uno sguardo universale vogliamo anche fare memoria dei 16 Paolini che in questo 2012 sono stati chiamati a partecipare alla vita eterna in Cristo.

         Traendo spunto dalle letture della Parola di Dio di questa domenica, il nostro suffragio per i Paolini defunti diventa impegno per continuare la missione che lo Spirito, attraverso il Primo Maestro e la Chiesa, ci hanno affidato: la santificazione nostra mediante l’impegno nell’evangelizzazione con la comunicazione.

         La prima lettura (I Re 17, 10-16) presentandoci la fede della vedova di Sarepta, mostra come lo Spirito chiama con successo una donna pagana in aiuto del profeta Elia e ci ricorda così che anche oggi siamo inviati soprattutto ai “lontani”, non solo a quanti hanno già la fede. La prima lettura ci chiede “audacia” nella progettazione apostolica paolina: cercare la gente e non aspettarla in chiesa, direbbe il beato Alberione.

         Il brano di Vangelo (Mc 12, 38-44), scelto in riferimento alla prima lettura, ci offre l’immagine di una vedova che getta poco nel tesoro del tempio, ma è tutto ciò che possiede, perché ha una grande fede in Dio. Vogliamo raccogliere l’invito alla “coerenza perseverante” nel vivere la nostra vocazione, consacrazione e missione paolina pregando lo Spirito perché tenga lontano da noi la superficialità che Gesù rimprovera agli scribi.

         Nella seconda lettura (Eb 9, 24-28), l’autore della lettera agli Ebrei ci presenta con la categoria del “sacerdozio” il significato della morte e risurrezione di Cristo che manifesterà tutta la sua efficacia “nella seconda venuta”. Inteso come un modo nuovo di poter vivere la fede, anche per noi il sacrificio di Cristo è la ragion d’essere della nostra santificazione e del nostro apostolato.

         Il nostro suffragio per tutti i Paolini e le Paoline defunte è accompagnato dalla richiesta che questi nostri Fratelli e Sorelle invochino per ognuno di noi e per l’intera Famiglia Paolina la grazia di poter cogliere l’opportunità storica del triennio di preparazione al giubileo del 2014 che stiamo vivendo.

 

 

 

Agenda Paolina

07 Luglio 2020

Feria (verde)
Os 8,4-7.11-13; Sal 113B; Mt 9,32-38

07 Luglio 2020

* SSP: 1929 professione dei primi sette Discepoli del Divin Maestro - 1935 arrivo nelle Filippine.

07 Luglio 2020

SSP: Fr. Camillo Cendron (1972) - Fr. Claudio Casolari (1991) • PD: Sr. M. Tecla Molino (2013) - Sr. M. Emmanuela Witczak (2014) • IGS: Mons. Giuseppe Petralia (2000) - D. Carlo Petroncini (2000) • IMSA: Renata Armati (1984) • ISF: Caterina Calamita (2012) - Filippo Mauceri (2017).