16
Lun, Dic

Fr Matthew VechoorITA - ESPENG

Alle 8:05 (ora locale) di martedì 8 marzo 2011, nell’infermeria della casa di Mumbai, è tornato alla casa del Padre il nostro fratello sacerdote DON LEO MATHEW VECHOOR, 73 anni di età, 56 di vita paolina, 51 di professione, 46 di sacerdozio.

Don Leo è nato il 14 giugno 1937 a Paika, vicino a Pala, nel Kerala (India meridionale). Entrò in Congregazione il 24 giugno 1954 ad Allahabad, dove visse il tempo dell’aspirantato e del noviziato, concluso con la prima professione religiosa il 16 luglio 1959. Ad Allahabad frequentò anche i corsi di filosofia, per poi proseguire i suoi studi di teologia a Roma, nel Collegio Paolino Internazionale. A Roma emise la professione perpetua il 20 agosto 1963 e ricevette anche l’ordinazione presbiterale il 30 giugno 1964.

GALLERIA FOTO DEL FUNERALE >>>

Agenda Paolina

16 Dicembre 2019

Feria (viola)
Nm 24,2-7.15-17b; Sal 24; Mt 21,23-27
Inizia la novena di Natale

16 Dicembre 2019

* PD: 1989 a Camberwell (Australia) - 2015 a Sindalan, San Fernando (Filippine).

16 Dicembre 2019

SSP: D. Giacomo Baricalla (1996) - D. Giovanni Piazza (2006) - Fr. Domenico Valle (2017) • FSP: Sr. Clementina Laudanno (2003) • PD: Sr. M. Teodolinda Longo (2005) • IGS: D. Luigi Iannelli (1980) - D. Luigi Sbravati (1996) • IMSA: Luisa Dotti (1995) • ISF: Anna Maria Orru (2008).

Pensieri del Fondatore

16 Dicembre 2019

A volte si potrà immaginare di trovarci soli a soli con Gesù, parlargli intimamente, consegnargli la mente, il cuore, la volontà, e tutto se stesso perché ne faccia quanto crede. Così ci si disporrà a mantenersi in dolcissima conversazione con Lui per tutta la meditazione (AE, 91).

16 Dicembre 2019

A veces podremos imaginarnos que estamos a solas con Jesús, que le hablamos íntimamente, que le entregamos la mente, el corazón, la voluntad y todo nuestro ser para que haga de ellos lo que crea oportuno. Así nos dispondremos a mantenernos en dulcísima conversación con él a lo largo de la meditación (AE, 91).

16 Dicembre 2019

Sometimes we can imagine that we are alone with Jesus and speak to him intimately; give him your mind, your heart, your will, and all of yourself that he may do what he wants. In this way we will be able to enter into a sweet conversation with him all through the meditation (AE, 91).