21
Mer, Ago

Typography

PDF ITA (Maggi - Giovannini) - Commenti

«Si sentì profondamente obbligato a prepararsi a fare qualcosa per il Signore e gli uomini del nuovo secolo con cui sarebbe vissuto» (AD 15).
La visione storico-culturale-religiosa di don Alberione.

Assieme alla relazione di Don Giovannini, quella del Dott. Maggi traccia una panoramica socio-culturale all'interno della quale si è mosso Don Alberione. La vita del mezzadro, il lavoro dei campi, i problemi lavorativi di una società in forte trasformazione e politicamente dibattuta. Il fenomeno dell'emigrazione e il miraggio dell'occupazione all'estero. Lo sfascio e la devastazione anche morale delle guerre. L'impegno del clero rurale nella gestione di una pastorale dalle larghe volute e socialmente impegnata. La dialettica sempre vivace tra Chiesa e politica. Sono alcune delle tematiche illustrate in questa relazione che ci informa sul mondo nel quale è vissuto e si è formato il giovane Alberione.

Se la relazione del Dott. Maggi si sofferma sul contesto socio-culturale, quella di Don Giovannini si occupa in modo speciale della formazione personale di Don Alberione. Dalla famiglia alla scuola, dalle due esperienze contrapposte nei Seminari di Bra e di Alba, fino alla "conversione" presso quest'ultimo e la valorizzazione piena e totalizzante del contesto formativo che in esso ha trovato. Da questo ricchissimo e fecondo contesto riparte il giovane Alberione per ripensare una pastorale "missionaria" che si diversificherà diventando famiglia: la Famiglia Paolina.
Di questa ampia relazione si offre una rappresentazione schematica che aiuta a coglierne le varie tappe nel fluire della storia.